Una nuova inchiesta scientifica pubblicata negli Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze (PNAS) rivela che le persone che ricevono il vaccino antinfluenzale emettono il 630% in più di particelle di virus influenzale nell’aria, rispetto ai soggetti non vaccinati. In effetti, questa scoperta documenta la prova che i vaccini antinfluenzali diffondono l’influenza e che la cosiddetta “immunità della mandria” è una bufala medica perché “la mandria” è in realtà trasformata in portatori e diffusori di influenza.

La scoperta di un bombardamento è documentata in uno studio intitolato Virus infettivo nel fiato espirato di casi sintomatici di influenza stagionale da una comunità universitaria. Gli autori dello studio sono Jing Yan, Michael Grantham, Jovan Pantelic, P. Jacob Bueno de Mesquita, Barbara Albert, Fengjie Liu, Sheryl Ehrman, Donald K. Milton e il Consorzio EMIT.

I dettagli di questo studio sono stati rivelati da Sayer Ji a Green Med Info, un sito che sta rapidamente diventando una delle fonti più autorevoli al mondo per l’analisi intelligente della scienza reale. Green Med Info ha pubblicato 500 studi che documentano gli effetti avversi (e le lesioni) dei vaccini.

Lo studio, che ha esaminato 355 volontari che erano malati con sintomi simil-influenzali, ha scoperto che le persone che in precedenza avevano ricevuto vaccini antinfluenzali emettevano quantità più elevate di particelle di virus influenzale che possono infettare altre persone.

Dallo studio:

Sorprendentemente, le persone che hanno ricevuto vaccinazioni antinfluenzali precedenti hanno scoperto di emettere 6,3 volte (o 630%) il numero di particelle di virus influenzali emesse da individui non vaccinati.

Questo significa – verosimilmente – che il modo più responsabile per evitare di infettare altre persone è EVITARE di essere vaccinati con vaccini antinfluenzali.

Le persone che ricevono i vaccini antinfluenzali, in altre parole, sono spacciatori irresponsabili dell’influenza. Sono quelli che fanno ammalare altre persone, proprio come abbiamo osservato per anni.

Questi risultati rivelano la scioccante verità sui vaccini antinfluenzali che pochi hanno osato pronunciare, per paura di essere etichettati come “anti-vax”: i vaccini antinfluenzali diffondono l’influenza. “Chiaramente, se questo risultato è accurato e riproducibile, la vaccinazione antinfluenzale potrebbe effettivamente renderti più propenso a infettare gli altri”, spiega Sayer Ji nel suo articolo Green Med Info. “Abbiamo segnalato la notevole mancanza di prove sull’efficacia del vaccino antinfluenzale (e sulla sicurezza) per oltre un decennio, basata in gran parte sul fallimento insufficiente del Cochrane Database Review per dimostrarne l’efficacia (e la sicurezza), nonostante centinaia di finanziati dall’industria studi che hanno tentato di farlo. Ulteriori informazioni: http://www.greenmedinfo.com/blog/shocking-lack-evidence-supporting-flu-vacc… ” Lontano dall’attuale tattica dell’industria del vaccino che incolpa le persone non vaccinate per la diffusione della malattia, questo studio rivela perché in realtà sono bambini e adulti vaccinati che continuano a diffondere malattie infettive. Sono loro a “spargere” le particelle di virus influenzale che infettano gli altri! (Questo spiega anche perché i focolai di influenza si verificano frequentemente tra i bambini che erano già stati vaccinati con vaccini antinfluenzali.)

Inoltre, il cosiddetto effetto “immunità alle mandrie” che viene spesso propagandato per spingere più vaccini su tutti è stato esposto come una mistificazione completa da questo studio. Se le persone vaccinate sono proprio quelle che diffondono nell’aria particelle di virus influenzale, allora la mandria sta diffondendo l’influenza, non impedendole. “L’immunità della mandria”, si scopre, diventa in realtà “moltiplicazione della mandria” del ceppo virale, dal momento che la mandria viene “trasformata” in spargitori di virus influenzali. Questo spiega infine perché così tanti bambini che vengono infettati dall’influenza (o morbillo, parotite e altre malattie infettive) tendono ad essere gli stessi bambini che sono stati vaccinati contro quelle malattie. I vaccini trasformano i bambini in portatori della malattia, infettando gli altri e contribuendo all’epidemia. Questo, a sua volta, provoca il panico tra i mezzi di informazione, il che spinge tutti a precipitarsi e farsi vaccinare il più rapidamente possibile. Nel giro di pochi giorni, una seconda ondata di contagiosi inizia a diffondersi, causata dal vaccino stesso.

FONTE[naturalnews]