Durante l attacco di questa notte in Siria la difesa aerea siriana ha intercettato almeno 71 missili da crociera lanciati dalle forze statunitensi, britanniche e francesi .

A farlo sapere è  il tenente generale Sergey Rudskoy che ha dichiarato che almeno 103 missili da crociera, tra cui i Tomahawk, sono stati lanciati contro una serie di obiettivi in Siria .

“La Russia ha completamente ripristinato il sistema di difesa aerea della Siria, e continua a migliorarlo negli ultimi sei mesi”, ha detto Rudskoy.

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che la Siria ha schierato missili terra-aria di fabbricazione russa, tra cui S-125, S-200, 2K12 Kub e Buk per respingere gli attacchi.

Tra quelli presi di mira dall’operazione guidata dagli Stati Uniti c’era l’aeroporto militare di Al-Dumayr fuori Damasco. La Russia ha detto che tutti e 12 i missili diretti all’aeroporto sono stati intercettati.

Nella sua dichiarazione, Rudskoy ha confermato che almeno una nave da guerra della Marina statunitense nel Mediterraneo e un bombardiere statunitense B-1 sono stati coinvolti nell’operazione, così come i combattenti dei Tornado del Regno Unito.

Gli attacchi guidati dagli Stati Uniti di questa notte sono arrivati ​​dopo un  sospetto attacco di armi chimiche  da parte del regime siriano nell’ex roccaforte ribelle di Douma la scorsa settimana.

Una dichiarazione del Pentagono afferma che almeno 58 missili hanno colpito la base aerea siriana di Shayrat. Un funzionario degli Stati Uniti ha detto che sono stati usatai i missili Tomahawk durante il bombardamento.

La Royal Air Force del Regno Unito ha dichiarato che quattro  aerei da caccia Tornado GR4 si sono uniti all’operazione, mentre la Francia ha dichiarato di aver schierato i caccia Mirage e Rafale.

Funzionari francesi hanno detto che i suoi militari hanno sparato almeno 12 missili in Siria e che credono che nessuno dei loro missili sia stato intercettato.