Tragedia sul lavoro a Marina di Carrara, dove un portuale è morto schiacciato da un carrello elevatore in manovra sul molo di levante durante le operazioni di carico di una nave. Secondo una prima ricostruzione riportata dall’Ansa, la vittima, un uomo di 40 anni, si trovava a piedi nei pressi di una gru quando è stato travolto dal fork lift, uno dei mezzi solitamente utilizzati per sollevare container e grossi carichi. Nonostante l’allarme sia stato lanciato immediatamente dai colleghi, all’arrivo sul luogo del 118 si è reso subito chiaro ai sanitari che per l’uomo non c’era già più niente da fare e ne è stato constatato il decesso. Secondo quanto riportato da Il Tirreno, l’uomo che stava manovrando il fork lift è stato colto da malore ed è stato trasportato in ospedale.

Iran, Total si ritira da progetto giacimento gas
La reimposizione delle sanzioni americane per il programma nucleare di Teheran provocano le prime ripercussioni di tipo economico sull’Iran: ne è la prova il ritiro dal Paese del gruppo francese Total da un progetto per lo sviluppo di un grande giacimento di gas. Lo ha reso noto il ministro del Petrolio iraniano. Come riportato dall’Ansa, il ministro Bijan Zanganeh, citato dalla televisione di Stato, ha chiesto all’Europa di impegnarsi maggiormente affinché le iniziative economiche che tengono in piedi l’accordo nucleare da cui sono usciti gli Usa per decisione unilaterale di Donald Trump vengano salvate. Il ritiro dell Total dall’Iran ha un valore simbolico oltre che economico: si trattava infatti dell’unico grande progetto in campo energetico di un’azienda europea dopo l’accordo del 2015 sul programma atomico della Repubblica Islamica.

Tragedia nel Pollino, escursionisti morti
Tragico incidente nel Parco del Pollino, dove un gruppo di escursionisti è stato travolto da un ondata di piena mentre stava attraversando il Torrente Raganello, uno dei più visitati della regione. Dalle prime frammentarie notizie il gruppo, composto da almeno una ventina di escursionisti, è stato prima sorpreso dal maltempo e poi da un’ondata che li ha travolti. Immediati i soccorsi con un elicottero dei Vigili del Fuoco giunto direttamente da Salerno, sul posto anche diverse squadre dei distaccamenti limitrofi e uomini del soccorso alpino, dei carabinieri e della protezione civile. I soccorritori hanno già recuperato una salma ma un primo bilancio parlerebbe almeno di otto vittime.

Asia Argento raggiunge un accordo economico con chi l’accusa di violenza
All’epoca aveva 17 anni il giovane attore, Jimmy Bennett, che ha denunciato Asia Argento di violenza sessuale, adesso secondo un indiscrezione giornalistica la donna avrebbe raggiunto un accordo versando al ragazzo 380.000 dollari. Se il versamento fosse confermato forte è il sospetto che le accuse che il giovane lanciò quattro anni fa fossero vere. La vicenda ha fatto scalpore, anche perché la Argento aveva nel passato denunciato delle violenze sessuali, dalle sue affermazioni era nato il movimento #Metoo. Immediata la presa di posizione dell’emittente televisiva Sky, con i vertici dell’azienda che hanno fatto sapere che se la vicenda fosse vera la Argento sarebbe immediatamente fuori dalla giuria di X Factor.

Si complica la situazione di Nave Diciotti
Prima l’indicazione allo sbarco del ministro delle infrastrutture Toninelli, poi l’alto la di Matteo Salvini, uno stop che ha complicato e non di poco la situazione di Nave Diciotti. L’imbarcazione con a bordo 171 migranti salvati allorquando il loro gommone stava affondando, aveva ricevuto come indicazione allo sbarco il porto di Catania, porto dove in queste ore sta dirigendo a lento moto. Lapidario in tale contesto Salvini, con il ministro dell’interno che sembra intenzionato a far attraccare la nave ma a non far sbarcare nessun migrante, almeno fino a quando l’Europa non si farà carico di una parte di essi. In tale contesto arrivano le affermazioni di alcuni extracomunitari che affermano che le autorità maltesi dopo averli rifocillati li hanno accompagnati fino al limite delle nostre acque territoriali, per poi lasciarli inesorabilmente alla deriva.

Risolto il giallo di nave
Non ha retto al rimorso ed ha confessato al rientro delle ferie estive. Si è risolto cosi il giallo di Nave, un piccolo paesino in provincia di Brescia, dove una 35enne era scomparsa senza lasciare traccia. A farsi carico dell’omicidio è stato l’amante, Fabrizio Pasini 48 anni, omicidio avvenuto al termine di un futile litigio. La donna Manuela Bailo, sembrerebbe che sia stata sepolta in una cascina abbandonata, per rendere più credibile il suo alibi Pasini si sarebbe impossessato del cellulare della donna inviando alcuni sms ad amici e conoscenti. Il procuratore capo di Brescia titolare delle indagini pur provando soddisfazione per la risoluzione della vicenda ha affermato che le indagini ancora non sono “definitivamente concluse”.

PARTENZA A RAZZO PER L’ATALANTA
Che l’Atalanta fosse più avanti delle altre per aver iniziato la stagione in Europa League si sapeva, ma che dimostrasse da subito questa forma era difficile sospettarlo. E’ secco il 4-0 con il quale viene liquidato il Frosinone neopromosso di Moreno Longo. La partita viene aperta e chiusa da due gol di Alejandro Gomez che dimostra ancora una volta di essere decisivo. In mezzo poi ci sono le reti di Hateboer e Pasalic nelle quali entra come assistman sempre il Papu ieri veramente scatenato. Ottima la prova dei nuovi Djimsiti e Gollini che giocano entrambi per novanta minuti. Dall’altra parte il Frosinone è sembrato troppo schiacciato dietro, anche se alcuni, tra i quali Hallfredsson, hanno lanciato segnali incoraggianti.

 

Fonte:[ilsussidiario]