Da oggi sulle strade di Napoli sono in circolazione dieci nuovi autobus Anm (Azienda a napoletana mobilità). I mezzi rientrano in una più ampia fornitura di complessivi 56 mezzi. In virtù della convenzione stipulata dal Comune di Napoli con l’Agenzia per la Coesione territoriale – Autorità di Gestione del Programma – al termine di una procedura di gara gestita direttamente dalle strutture dell’Ente competente, lo scorso 8 maggio 2018 è stato stipulato un Accordo Quadro tra il Comune di Napoli e la società Industria Italiana Autobus con un investimento totale di quasi 15 milioni di euro per la fornitura di 56 autobus per servizio di linea urbano, alimentati a gasolio, con motorizzazione Euro VI, conformi ai limiti di emissione in vigore, di categoria M3, classe I. “Siamo un una fase di grande rilancio per l’azienda – ha affermato l’amministratore unico Anm, Nicola Pascale – oggi sono usciti i primi 10 bus nuovi ed entro il fine settimana saranno 30 quelli in circolazione, mentre l’intera dotazione sarà in strada entro un paio di settimane. E’ un modo per rilanciare il servizio e l’azienda con grande determinazione”. I nuovi mezzi del trasporto pubblico
saranno impiegati sia in zone centrali che in zone più periferiche. In particolare, i nuovi bus saranno impiegati sulla tratta dell’R2 che collega la stazione Garibaldi con l’area di piazza Plebiscito e del teatro San Carlo, sulla linea 154 (San Giovanni – Volta – Marina – Municipio – Vittoria-S. Lucia), per la linea per l’aeroporto, ma andranno anche a servire zone della città non adeguatamente raggiunte dalle linee su ferro attraverso il consolidamento dell’offerta sulle linee 196 (Brin-Ponticelli) e 182 (Paternum-Secondigliano-Don Bosco-Foria-Museo-Dante). L’iniziativa è stata resa possibile grazie alle risorse messe a disposizione PON Metro 2014-2020, cofinanziato dall’Unione europea e volto allo sviluppo urbano sostenibile. L’intervento, oltre a rinnovare il parco mezzi a disposizione di Anm, consentirà di incrementare i livelli di efficienza, eco sostenibilità, manutenibilità ed economicità del trasporto pubblico in città. Tutti i mezzi sono dotati di sistemi telematici di bordo quali conta passeggeri, videosorveglianza, AVM per la geo-localizzazione, monitor informativi per l’utenza e climatizzazione. L’obiettivo che si intende perseguire è quello di soddisfare i fabbisogni di mobilità della popolazione, assicurare l’abbattimento dei livelli di inquinamento atmosferico e acustico, ridurre i consumi energetici, aumentare i livelli di sicurezza del trasporto e della circolazione stradale, minimizzare l’uso individuale dell’automobile privata, incrementare la capacità di trasporto dei mezzi pubblici, aumentare la percentuale di cittadini trasportati dai sistemi collettivi e ridurre i fenomeni di congestione nelle aree urbane. In tale ottica, i nuovi bus City Mood 10, che hanno una capienza di 88 passeggeri di cui 19 seduti, coniugano eccellenza tecnologica e rispetto dei limiti di sostenibilità ambientale grazie allo standard di emissioni Euro 6.

 

Fonte:[napoli.repubblica]