Chico (California), 17 novembre 2018 – Mentre attende oggi la visita del presidente Donald Trump, la California continua ad aggiornare il bilancio delle vittime degli incendi: almeno 71 morti e oltre mille dispersi. Il numero uno della Casa Bianca effettuerà un sopralluogo sui luoghi maggiormente colpiti dalle fiamme, dove ci sono state il maggior numero di vittime da un secolo a questa parte. Non sarà facile per Trump trovarsi ad affrontare il dolore e la rabbia dei sopravvissuti. Ma il presidente si è fatto precedere dalle sue critiche, intervistato da Fox News Sunday, si è detto sorpreso nel vedere immagini di vigili del fuoco intenti a rimuovere della sterpaglia vicino a un incendio, aggiungendo che “avrebbe dovuto essere tolta prima”. Ha anche ammesso che il cambiamento climatico “forse ha contribuito un po’” agli incendi che hanno devastato la California, ma secondo il tycoon il vero problema “è di gestione”, rimarcando le accuse agli amministratori democratici della liberal California, giudicati da lui i responsabili della tragedia. Trump ha sottolineato come in altri Stati gli incendi vengano tenuti sotto controllo perchè l’amministrazione li sa gestire. “Non c’è motivo per questi enormi, mortali e costosi incendi nei boschi in California se non per il fatto che la gestione sia così scarsa. Vengono dati miliardi di dollari ogni anno… con così tante vite perse, tutto per una mediocre gestione delle foreste”.

 

Fonte: [quotidiano]