I sondaggi Ipsos di Nando Pagnoncelli per il Corriere della Sera del 27 dicembre mostrano per la prima volta una frenata nell’ascesa della Lega e del suo leader Matteo Salvini nelle intenzioni di voto. Il governo Conte, partito con un indice di gradimento di 60 punti, in luglio era salito a 68 e a sei mesi dall’insediamento ritorna a 60.

SALVINI E DI MAIO IN CALO NEI SONDAGGI
Il vicepremier Luigi Di Maio scende dai 58 punti di luglio a 43, perdendo ben 15 punti. Salvini, che è riuscito a mantenere continuativamente il proprio consenso intorno a 60 fino a novembre, è sceso di 4 punti a dicembre. La Lega ha raddoppiato i propri consensi rispetto al risultato del 4 marzo, attestandosi intorno al 33%. Ma evidenzia i primi segnali di rallentamento. Solo un mese fa era accreditata al 36,2%, quasi tre punti in più degli attuali.

IL PD FERMA IL CALO AL 18%
Il M5s è in difficoltà più evidenti. Oggi sono accreditati del 27%, cinque punti sotto le Politiche (-0,7% rispetto a novembre). Il Pd sembra aver frenato la discesa e si attesta su un risultato analogo a quello delle Politiche (è al 18,1%). Forza Italia, oggi all’8%, si è quasi dimezzata rispetto al voto politico.

 

Fonte:[lettera43]